A molti di noi sarà capitato di descrivere come traumatica una brutta esperienza e di risentire, nel raccontarla, tutto l’impatto emotivo di allora ma... cos'è un trauma? Partiamo dall'inizio.

Le parole Trauma e Psiche derivano dal greco e significano ferita e anima; possiamo dunque pensare al trauma psicologico come ad una "ferita dell'anima". Le “ferite dell’anima” non sono, in realtà, troppo diverse da quelle fisiche; nella maggior parte dei casi, esse si rimarginano da sole in poco tempo; talvolta, tuttavia, si deve ricorrere all’intervento esterno. Allo stesso modo, dopo una ferita emotiva importante, il naturale processo di guarigione spontanea può "incepparsi"; in tal caso, poter contare su un aiuto specialistico, può davvero fare la differenza.  

I Traumi non sono tutti uguali

Per districarsi nell'universo del trauma psicologico, è utile operare una distinzione in due macro-aree chiamate, per facilità di comprensione Traumi con la T maiuscola e traumi con la t minuscola.

I Traumi con la T maiuscola sono eventi di grande portata che portano alla morte o minacciano l'integrità fisica propria o delle persone care: omicidi, aggressioni, gravi incidenti stradali, lutti improvvisi o inaspettati, terremoti, diagnosi infauste, aborti, attentati terroristici ne sono chiari esempi. Accanto a tali eventi di grande portata, esistono esperienze negative soggettivamente disturbanti, che non causano nella persona la percezione di un pericolo di vita e che tuttavia sono in grado di indurre profondo malessere: fallimenti, umiliazioni, separazioni, perdita del lavoro, tradimenti sono tutti esempi di traumi con la t minuscola, in grado di provocare un disagio intenso, che spesso la persona non riesce a spiegarsi. Non solo; quando il trauma con la t minuscola caratterizza la relazione con una figura di riferimento, nell'età dello sviluppo (ad es. la separazione da un genitore, l’esperienza di subire umiliazioni da parte di un genitore autoritario, l’essere criticato o continuamente confrontato con un fratello più bravo, l’essere gratificato esclusivamente in caso di prestazioni oltre un certo livello, l’assistere alle liti tra i genitori), questo è in grado di influenzare profondamente, in modo negativo, il livello di autostima della persona. Altre fonti di traumi con la t minuscola, sempre nell'infanzia - adolescenza, sono rappresentate dalla relazione con i pari e/o con gli insegnanti: l’essere rifiutati dal gruppo, il subire bullismo, l’essere derisi, l’essere umiliati dagli insegnanti sono tutte “ferite dell’anima” in grado di generare convinzioni negative pervasive del tipo “sono inadeguato." La maggior parte dei casi di bassa autostima, ansia, depressione, paure inspiegabili hanno proprio a che fare con questa categoria di traumi.

Se per i Traumi con T maiuscola le persone non hanno difficoltà a risalire all'evento responsabile del disagio emotivo, le persone che hanno vissuto traumi di minore entità possono avere meno consapevolezza di ciò che contribuisce al loro malessere attuale. Eppure, ogni adulto è un ex bambino che, nella sua intimità, porta ferite talvolta rimarginate, talvolta sanguinanti che possono condizionare la vita emotiva, sociale, scolastica o lavorativa attuale, senza che la persona abbia la consapevolezza delle reali radici delle proprie difficoltà... Ma come posso guarire dopo un trauma?

Dott.ssa Valentina Sparatore – Psicologa Clinica – Psicoterapeuta - Consultazione Genitoriale

Specializzata sulla genitorialità, in particolar modo: Uso di strumenti di osservazione dei processi relazionali e intergenerazionali attraverso la teoria dell’attaccamento; la decodifica dei racconti attraverso l’ASCI; il lavoro con il “bambino rimosso” del genitore; l’uso dei video nella consultazione; genitorialità adottiva e affidataria; valutazione del profilo psicologico del bambino; l’uso del video intervento, secondo il protocollo VIPP-SD per promuovere la genitorialità positiva e la disciplina sensibile; parenting training secondo il protocollo “circle of security”, utilizzabile sia in contesti terapeutici che educativi, in setting individuali e di gruppo.

Dal 2008 Counselor professionista in ambito psicologico-educativo, riconosciuto dal CNCP.

Dal 2015 libero professionista e psicoterapeuta individuale, specializzata in consultazioni genitoriali tramite video intervento.

 

VALUTAZIONE, DIAGNOSI e INTERVENTO nell’area evolutiva DSA - BES - ADHD - DISTURBI EMOTIVI

INTERVENTI INDIVIDUALI
-   Riabilitazione ed intervento psicologico e cognitivo
-   Potenziamento cognitivo
-   Training per attenzione e memoria

-   Intervento con bambini sordi e udenti con disturbo della comunicazione e del linguaggio (con psicoterapeuta segnante)

-   EMDR, intervento per l’elaborazione dei traumi.

SCUOLA
-   Partecipazione ai GLH e supporto alle insegnanti nella didattica
-   Supporto compiti e metodo di studio.

GENITORIALITA’
-   Supporto alla genitorialità individuale
-   Parent training per coppie genitoriali
-   Terapia di coppia cognitivo-comportamentale e Schema Therapy.

INTERVENTI IN PICCOLO GRUPPO
-   Gruppi bambini/adolescenti per la gestione delle emozioni (con l’ausilio di materiali tratti dal film “Inside Out”)
-   Gruppo compiti per DSA e BES scuola primaria e secondaria.

Ultimi da Dott.ssa Valentina Sparatore – Psicologa Clinica – Psicoterapeuta - Consultazione Genitoriale

Articoli correlati (da tag)

Altro in questa categoria: Come posso guarire dopo un Trauma? »

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna